I numeri parlano chiaro, ben l’83% delle aziende fallite in Italia nel 2013 non erano digitalizzate, e oggi le cose sono invariate.

Questa crisi continua a mordere e nonostante tutte le promesse che ogni giorno ci sentiamo rivolgere, le prospettive di una ripresa futura sono molto lente ad arrivare.

 

Volevo un attimo spulciare questo dato importante:

 

Nel 2013 le aziende fallite sono 110.000, e l’83%, un numero impressionante (fonte). Purtroppo anche gli anni seguenti sono stati disastrosi e quest’anno di miglioramenti sensibili non se ne vedono.

La strada per cercare di rimanere aggrappati al mercato sembra a senso unico, ed è proprio in questa direzione che sia l’Europa che il nostro governo stanno cercando di dirigere l’immenso patrimonio delle nostre piccole e medie imprese.

La mia impressione è che stiano un po’ arrancando nel buio, entrambi hanno ben presente che la necessità della banda larga è il primo passo da compiere, non altro.

 

D’altronde non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa in che porto andare.

 

Questo il punto:

 

Noi tutti possessori di partita iva ed imprenditori ci dobbiamo arrangiare.

Non possiamo più contare su mille promesse che puntuali non arrivano mai, dobbiamo ancora una volta rimboccarci le maniche, come abbiamo sempre fatto.

Adeguarci ai tempi che cambiano e alle nuove tecnologie è ora una strada a senso unico.

 

Allora- ti chiederai – io sono già digitalizzato! E anche da moltissimi anni, ho un sito internet dal 2008 e non mi ha portato nemmeno un soldo! Cosa devo fare ancora?  Devo forse farmi un e commerce?

 

Non proprio, ma adesso ti spiego tutto punto per punto.

 

C’è un mondo di opportunità

Il sito web come è sempre stato inteso negli ultimi anni non ha più alcun valore aggiunto. Quale utilità pensi possa avere un bigliettino da visita che tieni solo per te?

Nessuno!

Quindi un sito vetrina potrà essere visitato solamente solo da chi già ti conosce e magari vuole sapere qualcosina in più su di te, oppure desidera sfogliare il tuo catalogo online.

Nulla di più se non una vetrina da mostrare a un pubblico che già ti conosce.

 

Prima di andare oltre snocciolo altri dati della società belga Email- Brokers.

  • In Europa solo la metà delle aziende hanno un sito internet.
  • Circa l’80% dei siti non viene aggiornato da più di un anno.
  • Solo il 17% delle aziende Italiane sono presenti sui social network.

Alla luce di queste percentuali sembra palesato il fatto che la promozione tradizionale sia ancora per molte aziende l’unica forma di marketing. Perdendo moltissime possibilità di guadagno.

 

I grandi dati sono all’oscuro di molti, ti basti pensare che in Italia Facebook ha una media di 20 milioni di utenti attivi al giorno. 

Questo social network è una miniera d’oro per tutte quelle persone che non ti conoscono, e la loro “domanda latente” combacia con un TUO servizio o prodotto.

Non presentarsi a tutte queste persone è un opportunità di marketing da non lasciarsi sfuggire.

 

Allora come fare?

 

La rivoluzione nella forma e nella sostanza

L’offerta è sempre in grado di generare la propria domanda. Legge di Say

Trascendendo dalle discussioni tra economisti neoclassici e keynesiani oggi sul web questa è una sacrosanta verità!

Il web marketing ha una potenza incredibile e può farti raggiungere persone che altrimenti non ti avrebbero mai conosciuto, lasciando il tuo prodotto invenduto.

 

La differenza è nella forma e nella sostanza.

Questi motivi:

 

#1 La forma

Come scrivevo qui sopra, avere un sito web della tua attività e utilizzarlo come vetrina o come biglietto da visita non ha alcun senso.

Il web marketing consiste nel farti notare e ottenere nuovi clienti utilizzando il web.

Adesso rispondi a queste domande:

  1. Hai un sito web per la tua azienda?
  2. Quante visite fa il tuo sito al mese?

Quando una persona che non ti conosce arriva sul tuo sito:

  1. Sai spiegarti come è arrivata?
  2. Trova tutte le informazioni che desidera?
  3. Credi che si senta invogliata a lasciati un suo contatto? (email o numero di telefono)
  4. Credi che tornerà sul tuo sito?
  5. Sei stato capace di creare “engage” col tuo visitatore?

 

Le aziende fallite non avrebbero potuto rispondere a nessuna di queste!

I siti web capaci di fare web marketing devono saper attrarre persone sia dai motori di ricerca che dai social network, devono convogliare traffico di potenziali clienti e utenti la cui domanda latente possa corrispondere ad un tuo prodotto o servizio.

 

Come ultima cosa il tuo sito deve creare “engage” cioè deve coinvolgere il tuo visitatore, farlo sentire bene, devi fornirgli informazioni su di te e su argomenti di suo interesse.

Se hai un sito e non sei capace di fare questo non sei digitalizzato. 

Puoi leggere l’articolo: perché il tuo sito web non è capace di generare clienti.

Proprio come l’83% delle aziende fallite nel 2013.

 

#2 La sostanza

La sostanza è il passo successivo alla forma. Dopo aver creato un sito web altamente performante con tanto di landing page, ed eventualmente un blog aggiornato hai bisogno di farti conoscere all’immenso pubblico del web.

Come:

I canali possono essere diversi, ma semplifico indicando solo i due maggiori, quelli con una maggiore capacità di traffico:

  • I motori di ricerca con SEO e PPC
  • I social network con PPC

 

Entrambi possono portare traffico organico o a pagamento (Google Adword e Facebook ads).

La sostanza del web marketing è quindi come ci muoviamo nel web per farci conoscere e per portare sul nostro sito web quante più persone possibili orientate al nostro business.

 

Concludendo

“Aiutati che il ciel ti aiuta”, mi ripeteva sempre mia nonna, ma in questo caso è “aiutati che altrimenti con l’aria che tira in Italia va a finire male”.

Il web marketing ha capacità incredibili e migliaia di sfumature diverse, ognuno di noi può avvantaggiarsi da questa incredibile disciplina, anche se coltivi zucchine il web può darti tantissime soddisfazioni e aprirti canali commerciali che mai avresti immaginato.

Quindi cerca di non finire anche te nelle casistiche dei dati riportati all’inizio, inizia oggi stesso il tuo piano di web marketing.

Lascia il tuo commento



Leggi altri articoli

Inizia oggi generare clienti online

logo bia semplice

Mi chiamo Riccardo e sono un consulente di web marketing specializzato nell'aiutare le piccole medi imprese ed i liberi professionisti.

Contatti

331 75 70 597
info@riccardogiorgi.com

Via Vasco De Gama 9, 46037 Roncoferraro MN

P. IVA 02140720208

Contatto telefonico immediato

6706,6617,6684,6692,6680,6688,6691,6617,6641,6617,6688,6693,6685,6694,6647,6697,6688,6682,6682,6680,6697,6683,6694,6686,6688,6694,6697,6686,6688,6629,6682,6694,6692,6617,6627,6617,6698,6700,6681,6689,6684,6682,6699,6617,6641,6617,6665,6688,6682,6687,6688,6684,6698,6699,6680,6615,6682,6694,6693,6699,6680,6699,6699,6694,6617,6627,6617,6692,6684,6698,6698,6680,6686,6684,6617,6641,6617,6661,6700,6694,6701,6694,6615,6682,6694,6693,6699,6680,6699,6699,6694,6615,6695,6684,6697,6615,6682,6687,6688,6680,6692,6680,6699,6680,6615,6699,6684,6691,6684,6685,6694,6693,6688,6682,6680,6617,6708
Share This